Siamo stati invitati a presentare alcuni nostri progetti di ricerca durante la prossima edizione di Remtech a Settembre a Ferrara. RemTech è per noi l’ unica esposizione specializzata in Italia che ci consente sia di entrare in contatto con le nuove tecnologie che si affacciano sul mercato ambientale sia per presentare le ultime novità ai nostri clienti e condividere con loro esperienze/nuove opportunità di business. 

Uno dei progetti di maggior interesse riguarda il risanamento delle acque di falda dall’ ETBE mediante la applicazione di micostimolanti: stiamo preparando con l’ Università di Genova-Distav- Lab. di Micologia, una relazione di natura tecnica e tecnologica che presenteremo in uno dei workshop dedicati a tale tematiche. Nello stand che abbiamo all’ interno nel padiglione 3 ci saranno altri tecnici che potranno spiegare/chiarire gli aspetti più commerciale e applicativi del progetto di ricerca.

Ptech ha in corso da alcune settimane un altro progetto di ricerca, presso il Laboratorio di Micologia del DISTAV – Università di Genova, per verificare la possibilità di abbattere il valore di ETBE nelle acque di falda grazie all'impiego di ceppi micro-fungini autoctoni. L’etil-t-butil-etere è un composto organico derivante dagli alcoli etilico e iso butilico, con caratteristiche molto simili all'MTBE. Lo scopo è ridurre in tempi rapidi il valore sotto la soglia consentita dalla legge (Decreto Legislativo 152/2006, parte IV, allegato 5, tabella 2) ovvero sotto i 40 ppm. Il protocollo, come per altri progetti, prevede che il laboratorio di Micologia effettui una analisi micologica nelle acque finalizzata all'individuazione e selezione delle specie e dei ceppi microfungini autoctoni più performanti. Nella seconda fase, i funghi così selezionati vengono re inoculati in concentrazioni molto più alte rispetto a quelle di partenza per velocizzare la degradazione e/o assorbimento di ETBE. Ad ogni re inoculo (nel caso sia necessario effettuarne più di uno) viene condotta sia l’analisi micologica sia quella chimico fisica per verificare da un lato la vitalità e la concentrazione dei funghi autoctoni addizionati e dall'altro l'efficacia e la velocità dell’abbattimento.

 

IMG 20190424 WA0013

IMG 20190424 WA0012

Siamo lieti di informarvi che abbiamo esteso il contratto con università di Genova - DISTAV - Lab. di Micologia per un altro anno.

Siamo così in grado di offrire ai nostri clienti il servizio di analisi per la ricerca delle u.f.c. nel biodiesel ammalorato.

E’ necessario prelevare un campione di gasolio dalla pistola erogatrice o dal filtro ed effettuare l’ analisi per rilevare la presenza di batteri, lieviti e muffe secondo la norma IP 385/99.

A seconda dei valori delle u.f.c./l (unità formanti colonia/litro) trovate si interverrà con i dosaggi più corretti per la definitiva eliminazione del problema.

Ptech sarà presente con un proprio spazio espositivo alla XIII edizione di RemTech,dal 18 al 20 Settembre 2019, a Ferrara. Remtech è il luogo ideale nel quale le elevate competenze tecniche di ptech possono confrontarsi efficacemente con il mercato per trovare elementi di miglioramento. ptech intende crescere applicando i progetti di ricerca,in corso con il Laboratorio di Micologia della Università di Genova, nel settore sia delle “bonifiche e sedimenti” sia in quello dell’ “economia circolare e gestione rifiuti”. Saranno presentati ai visitatori ed a tecnici specializzati che visiteranno lo stand gli ultimi aggiornamenti sulle nuove applicazione pratiche dei microfunghi nell’ “industria” ambientale. Presso lo stand sarà presente al completo anche lo staff del Dipartimento di Micologia della Università di Genova – DISTAV.

 

IMG 20190424 WA0014

Siamo lieti di informarvi che anche quest’ anno saremo a Ferrara, a Remtech: l’unico evento in Italia specializzato sulle bonifiche, sui rischi ambientali e naturali, sulla manutenzione, riqualificazione e rigenerazione del territorio !

Remtech è una piattaforma di incontri che ci consente di spiegare e far conoscere agli utilizzatori finali le nostre tecnologie innovative in merito alla applicazione dei microfunghi nell’ ambiente.

Siamo in grado di abbreviare, ad esempio, il processo di degradazione nei biodigestori per la produzione del compost o di accumulare i metalli pesanti nei terreni contaminati applicando un geo tessile additivato con funghi autoctoni.

I microfunghi si sono dimostrati particolarmente efficaci per degradare lo zinco o gli idrocarburi pesanti nei terreni argillosi.

 

IMG 20190424 WA0011